NICHOLAS WINTON: L’EROE SILENZIOSO

E’ stato definito l’ “Oskcar Shindlren  britannico”. Stiamo  parlando di Nicholas Winton l’uomo che nel 1939 salvò centinaia di bambini ebrei della Cecoslovacchia. Furono proprio loro i più piccoli il suo più grande pensiero quando arrivò a Praga e si rese conto di ciò che stava per accadere.
 Si chiese: “Chi si occuperà dei bambini? Dedicò diversi mesi della sua vita proprio a quello scopo: salvare più  bambini possibili dalla mostruosità del nazismo. Nicholas raccoglieva i soldi necessari, cercava famiglie interessate ad ospitarli tramite annunci di giornale o altri contatti.
Molte nazioni accolsero la sua richiesta soprattutto la sua Inghilterra; altre invece si rifiutarono come gli Stati Uniti. Riuscì a far partite 8 grandi gruppi di bambini in otto treni verso l’Europa, attraversarono poi il mare in traghetto per arrivare in Inghilterra. Ne portò in salvò 699. Il suo più grande rammarico fu quello di non aver salvato in tempo altri 250 bambini perché, due giorni prima della partenza di quell’ ultimo treno, la seconda guerra mondiale ebbe inizio, e i tedeschi chiusero le frontiere. Si pensa, che di quei bambini, non ci sia stato nessun sopravissuto. Fece tutto in silenzio la moglie scoprì ciò che aveva fatto, solo quando trovò in casa una cartella piena di documenti che testimoniavano l’accaduto. Rincontrò quei bambini salvati durante il programma“THAT’S LIFE!” della BBC.
Queste sono le belle storie dei “GIUSTI” e della “ MEMORIA DEL BENE”.