VENTI DI PACE

Se ripenso alla mia recita di Natale di quest’ anno una forte sensazione di felicità mi scalda il cuore ma allo stesso tempo la malinconia mi raffredda l’ animo perchè questa è stata la mia ultima recita di Natale con la mia indimenticabile classe e la mia super maestra Franca che ci insegna dalla 1^ elementare. Ricordo come fosse ieri il giorno della recita, nonostante facessimo da 4 anni recite di questo genere alcuni di noi (compresa io) erano davvero in ansia. Vedere quella chiesa che piano piano si riempie di spettatori ti fa venire in mente molte domande: ” E se il microfono non funziona?” “E se mi scordo la mia parte?” “E se sbaglio la battuta?” Ma, modificando il detto “canta che ti passa”, mi verrebbe da dire “Recita che ti passa” e tutti i problemi spariscono. Quel 21 Dicembre 2018 con la nostra recita intitolata “Venti di pace” siamo riusciti a raggiungere l’ obiettivo che ci eravamo posti: far riflettere i presenti su l’ ingiustizia della guerra, dell’ indifferenza, dell’ odio, del consumismo ma poi, come nostro solito, abbiamo anche strappato sorrisi e risate. Spero che ora “Venti di pace” soffino nei cuori di chi ha ascoltato il nostro insegnamento perchè ciò che conta davvero sono la pace, l’ amore, il rispetto e non il potere, l’ odio, l’ indifferenza. Ricordate che nulla è impossibile che cambiare si può!